Cerca

AOU Sant’Andrea, pubblicato bando stabilizzazione precari

 Il14 settembre 2022 è stato pubblicato sull’albo on line dell’AOU Sant’Andrea di Roma il bando di stabilizzazione dei precari aventi i requisiti previsti dalla L 234/2021.

Fino a meno di 2 mesi fa la Direzione strategica dell’AOU capitolina era irremovibile dalla posizione di non provvedere alla stabilizzazione dei precari, vista la non capienza del Piano Triennale del Fabbisogno del Personale del triennio 2021/23.

“Possiamo affermare con estremo orgoglio che l‘inversione di marcia da parte della Direzione Strategica – afferma il Segretario Provinciale Sandra Di Blasio – è frutto dello Stato di Agitazione Sindacale da noi portato avanti a partire dai primi giorni di Giugno che, dopo una prima fase conciliatoria in Prefettura, ha portato alla creazione di un tavolo di conciliazione aziendale nel corso del quale abbiamo sottoposto all’Azienda una revisione completa del calcolo del Fabbisogno Triennale, dimostrando l’inadeguatezza dello stesso alla luce del reale assetto aziendale; la Direzione ha accolto in toto le nostre istanze ed ha aggiornato i numeri dei contingenti previsti dal Piano Triennale, aumentandoli in modo da avere la possibilità di procedere alla stabilizzazione degli aventi diritto in base alla succitata Legge di bilancio 2022”.

“È soprattutto una vittoria dei lavoratori che hanno la possibilità di avere un posto di lavoro fisso e di trovare così una stabilità di vita – aggiunge il Segretario Regionale Alessio Minadeo -, ma è anche una vittoria per la nostra sigla sindacale che con fermezza, competenza e caparbietà ha raggiunto un risultato che sembrava impossibile, andando contro anche all’ostracismo delle altre sigle sindacali (soprattutto CGIL CISL e UIL) che non hanno voluto unirsi alla nostra lotta in sede di RSU e che hanno tentato in tutti i modi di diffondere notizie false per denigrare un processo di battaglia sindacale (di cui pensiamo non abbiano ancora ben compreso la rilevanza e tanto meno le modalità); come sempre succede queste sigle cercheranno di accaparrarsi i meriti della vittoria (anche se non riusciamo a immaginare quali bugie potrebbero inventare per negare l’evidenza della loro totale estraneità alla battaglia), ma l’enorme e giornaliero consenso e supporto dei lavoratori ci fa ben sperare di riuscire, col tempo, a sovvertire uno strapotere sindacale radicato da decenni, che ha portato all’attuale immobilismo sindacale aziendale e alla sfiducia dei lavoratori nei confronti dei sindacati”.

Condividi articolo