Cerca

Che fine hanno fatto i lucchetti di Ponte Milvio?

I lucchetti di Ponte Milvio dopo ben 12 anni sono stati rimossi perché risultavano dannosi per la stabilità dei lampioni ai quali erano attaccati.

Un ponte che era diventato un punto di aggregazione e di grande attrazione per i giovanissimi che hanno condiviso le loro storie con data e iniziali incise sui lucchetti come testimonianza del loro amore.

Ponte Milvio era diventato famoso grazie ai romanzi di Federico Moccia, e in particolare, dal film Ho voglia di te che aveva avviato la moda dei lucchetti.

Un sogno andato in frantumi: tutti i lucchetti presenti sul Ponte sono stati sequestrati e riposti nei magazzini del Comune, dove marciscono probabilmente pieni di ruggine.

Nel 2012 è subentrata una nuova moda: lanciare le chiavi dei lucchetti nella Fontana di Trevi, rigorosamente di notte, quando l’atmosfera è più romantica e lontana dai controlli dei vigili.

Ma la nascita di questo fenomeno quando e dove avviene?

La moda dei lucchetti risale almeno a un secolo fa, in Serbia, durante la Prima Guerra Mondiale nella città di Vrnjačka Banja, dove una coppia si giura amore eterno ma poi dopo essere andato in guerra in Grecia si innamora di un’altra persona, a cui giura nuovamente amore eterno.

La prima donna muore di crepacuore. Da quel momento, tutti gli innamorati, per valorizzare il loro amore hanno inciso il proprio nome su dei lucchetti, attaccandoli sulla ringhiera del ponte, dove la ragazza del racconto aveva incontrato l’ex ragazzo.

Morale della favola: nulla è eterno, l’amore è una manifestazione di passioni con innamorati diversi, volta per volta.

Inoltre, Il fenomeno dei lucchetti prima di Ponte Milvio, è stato protagonista in tante località famose: il Ponte Luzhkov di Mosca, il Ponte Hohenzollernbruecke di Colonia, il Ponte dell’Amore a Praga, il Ponte delle Montagne Gialle in Cina.

Norma Presta

Condividi articolo