Cerca

Colto da un malore al Lago di Bracciano, salvato prima di annegare

Un uomo di ventinove anni ha rischiato di annegare nel Lago di Bracciano, ma è stato salvato grazie al pronto intervento di un carabiniere. L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio, sabato 8 giugno, lungo via Circumlacuale, nella località di Santo Celso.

L’uomo stava trascorrendo una giornata di sole e relax in spiaggia, approfittando del bel tempo per prendere il sole e fare un bagno rinfrescante.

Tuttavia, durante la nuotata, ha improvvisamente accusato un malore che gli ha impedito di mantenersi a galla.

Un carabiniere di quarantuno anni, appartenente all’8° Reggimento Lazio e libero dal servizio in quel momento, si trovava nelle vicinanze e ha notato la situazione critica.

Rendendosi conto che l’uomo era in pericolo, non ha esitato un istante: si è tuffato immediatamente nel lago, nuotando con rapidità verso il ventinovenne in difficoltà. Raggiunto l’uomo, lo ha afferrato e con notevole sforzo lo ha riportato in salvo a riva.

Il giovane era privo di sensi e, senza l’intervento tempestivo del militare, sarebbe probabilmente annegato.

Il personale sanitario è intervenuto prontamente dopo il salvataggio. Dato il presunto annegamento e le condizioni critiche dell’uomo, è stata richiesta l’eliambulanza.

Il ventinovenne è stato stabilizzato e trasportato d’urgenza al Policlinico Agostino Gemelli di Roma, dove ha ricevuto le cure necessarie.

Fortunatamente, le sue condizioni sono migliorate rapidamente e non è in pericolo di vita.

Sul luogo dell’accaduto sono giunti anche i carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Bracciano per effettuare gli accertamenti di rito e raccogliere le testimonianze dei presenti.

L’episodio ha messo in luce il coraggio e la prontezza del carabiniere, il cui intervento è stato determinante per salvare la vita dell’uomo.

Grazie alla sua prontezza di riflessi e al suo addestramento, una potenziale tragedia è stata evitata.

Questo evento sottolinea l’importanza della presenza di personale addestrato anche fuori servizio, pronto ad intervenire in situazioni di emergenza.

Condividi articolo