Cerca

𝘼𝙢𝙞𝙖𝙢𝙤 𝕒𝕚𝕦𝕥𝕒𝕣𝕖 ʟᴇ ᴘᴇʀsᴏɴᴇ 𝑎 𝑟𝑒𝑎𝑙𝑖𝑧𝑧𝑎𝑟𝑒 ᑭᖇOᘜᗴTTI 𝙞𝙢𝙢𝙤𝙗𝙞𝙡𝙞𝙖𝙧𝙞

cresce la fiducia nel franchising e MLS Agent RE si conferma il più utilizzato MLS del Paese – Caporilli Immobiliare


Le agenzie immobiliari attive in Italia superano la soglia delle 50.000 unità con un incremento del 5,28% rispetto allo scorso anno. Dal 2003 ad oggi, questo andamento va di pari passo con quello delle compravendite. FRIMM e REplat rappresentano la quinta rete di franchising immobiliare in Italia con il 5,57% di punti vendita Affiliati, mentre MLS Agent RE si conferma il più utilizzato MLS del Paese.

Report “Reti e aggregazioni 2022” di Gerardo Paterna: cresce la fiducia nel franchising e MLS Agent RE conferma il suo primato nelle aggregazioni Report “Reti e aggregazioni 2022” di Gerardo Paterna: cresce la fiducia nel franchising e MLS Agent RE conferma il suo primato nelle aggregazioni 

L’AGENTE IMMOBILIARE NEL 2022, TRA FRANCHISING, CONCORRENZA E NUOVE COMPETENZE

Durante la quinta edizione di Sinergie tenutasi lo scorso 2 dicembre a Milano – il Gruppo FRIMM ha partecipato in qualità di ospite e sponsor – è stato presentato l’atteso report annuale sull’andamento del comparto relativo alle agenzie immobiliari e alla loro attività. Come ogni anno, anche in questa edizione è stato l’organizzatore e promotore dell’evento, Gerardo Paterna, a presentare e commentare i dati.

Il report “Reti e aggregazioni 2022” parla chiaro: il mercato immobiliare, performante e positivo anche nel 2022 dopo un ottimo 2021, richiede sempre più professionisti perché il numero di agenzie immobiliari, tra indipendenti e affiliate, passa da 49.177 nel 2021 a 51.778 nel 2022 con un incremento del 7,68% dei punti vendita in franchising che registrano una maggiore capillarità in Campania e nel Lazio.

Questi dati comportano una crescita di competitività mai vista prima sul mercato: emergere e acquisire incarichi di vendita diventa sempre più complicato per gli agenti immobiliari che ogni giorno si trovano davanti a nuove sfide.

La professione dell’agente immobiliare è cambiata. Il cosiddetto “porta a porta” e le competenze standard del mediatore non bastano più per conquistare la fiducia dei clienti e ottimizzare i guadagni. E se ci aggiungiamo la sfera digitale con tutte le nuove tematiche che si porta dietro (il social media marketing, l’advertising targettizzato e geolocalizzato, i contenuti ad hoc per ogni tipologia di cliente…), capiamo subito che è necessario approcciare il mercato in maniera innovativa e inedita.

IL FUTURO DELL’AGENTE IMMOBILIARE È LA SPECIALIZZAZIONE

In questo senso, una delle strade da seguire per differenziarsi e superare i momenti di difficoltà è la specializzazione. Il presidente Roberto Barbato, in occasione del consueto evento di fine anno del Gruppo FRIMM, ha recentemente affermato che: “Per affrontare il futuro, l’agente immobiliare di oggi deve saper leggere il mercato e anticiparlo, deve approcciarsi diversamente alla professionalità e formarsi costantemente con serietà”.

Un ulteriore aspetto da analizzare è l’andamento delle compravendite in relazione a quello delle reti in franchising. Sì, perché si nota una certa correlazione che li rende simili negli ultimi 20 anni: all’aumentare delle compravendite aumenta il numero degli agenti immobiliari affiliati perché percepiscono il mercato come maggiormente appetibile e viceversa. Ciò dimostra come alcuni agenti immobiliari si facciano condizionare molto dai numeri e credano nella loro professione solo nei momenti di “up”.

A tal proposito il vicepresidente del Gruppo FRIMM Vincenzo Vivo commenta: “Questo settore ha sempre avuto una propria ciclicità e ha sempre assistito a momenti di alti e bassi. Proprio nei periodi in cui si parla di crisi del mercato immobiliare, la figura del mediatore è ancora più fondamentale nella regolamentazione di una compravendita. Per poter conquistare quella fetta di mercato rappresentata da quasi il 50% dei privati che non si rivolgono all’agente immobiliare, dobbiamo svolgere questa professione concentrandoci concretamente sul cliente e legandolo a noi per sempre. Sicuramente il residenziale rappresenta un ramo del settore interessante, ma allo stesso tempo è anche il più semplice da gestire. I tempi sono cambiati e ciò che fa la differenza è saper soddisfare qualsiasi tipo di esigenza del cliente: dalla locazione al commerciale, passando per la logistica, l’industriale e il turistico”.

DOVE SI POSIZIONA IL GRUPPO FRIMM NEL MERCATO IMMOBILIARE ODIERNO?

Le reti in franchising FRIMM e REplat, da sempre contraddistinte per la libertà, l’assenza di vincoli per l’agente immobiliare e l’autonomia che gli offrono, rappresentano il 5,57% delle quote di mercato rispetto alla totalità dei punti vendita sul territorio con circa 350 agenzie affiliate.

Il Gruppo FRIMM lavora ogni giorno per facilitare il lavoro degli agenti immobiliari affiliati e offrire loro servizi innovativi e tecnologici, oltre a un metodo di lavoro scalabile che si adatta perfettamente a ogni tipo di agenzia.

Per quanto riguarda invece gli MLS e le aggregazioni alternative, il report “Reti e aggregazioni 2022” conferma anche quest’anno il primato di MLS Agent RE (primo Multiple Listing Service in Italia di proprietà del Gruppo FRIMM) come il sistema MLS più avanzato in Italia che detiene l’88,95% del mercato.

Come sostiene anche il Rapporto MLS Italia 2022, la collaborazione tra agenti immobiliari continua infatti a crescere vedendo le provvigioni aumentare e i tempi medi di vendita diminuire.



(Promo)