Cerca

𝘼𝙢𝙞𝙖𝙢𝙤 𝕒𝕚𝕦𝕥𝕒𝕣𝕖 ʟᴇ ᴘᴇʀsᴏɴᴇ 𝑎 𝑟𝑒𝑎𝑙𝑖𝑧𝑧𝑎𝑟𝑒 ᑭᖇOᘜᗴTTI 𝙞𝙢𝙢𝙤𝙗𝙞𝙡𝙞𝙖𝙧𝙞

formazione, retribuzione e prospettive per il futuro  – Caporilli Immobiliare


Dinamica, piena di opportunità e ricca… anzi ricchissima. La professione dell’agente immobiliare è tutto questo e molto altro, perché è complessa, sottovalutata e troppo spesso incompresa.

Essere un agente immobiliare significa diventare il consulente fidato di clienti che stanno per raggiungere uno dei traguardi più importanti della loro vita e che gli affidano il loro sogno immobiliare, che si tratti dell’acquisto o della vendita di una casa.

Svolgere questa interessante professione è tutt’altro che semplice: per poter assistere i propri clienti durante la compravendita di un immobile, bisogna avere infatti molteplici competenze di vario genere che spaziano dal tecnico-legale al marketing e che necessitano di formazione continua e costante aggiornamento.

LA FORMAZIONE DELL’AGENTE IMMOBILIARE 

Ma andiamo per gradi e vediamo prima di tutto come si diventa agente immobiliare e che tipo di percorso formativo bisogna intraprendere.

Il primo requisito per diventare un agente immobiliare è essere in possesso di un diploma di scuola superiore, anche se ultimamente i titolari di agenzia indirizzano la loro preferenza sui neo-laureati in modo tale che i propri clienti possano interfacciarsi con persone più competenti e preparate.

Il passo successivo è la frequenza di un corso di formazione professionale obbligatorio, con il conseguente superamento del relativo esame scritto e orale presso la Camera di Commercio per ottenere il cosiddetto “patentino” di agente d’affari in mediazione, ovvero l’abilitazione allo svolgimento della professione. Questo corso prevede l’insegnamento di una serie di nozioni necessarie a lavorare come mediatore e consulente quali diritto tributario, marketing, diritto urbanistico e legislazione del mercato immobiliare.

Superato l’esame, è necessaria l’iscrizione al registro delle imprese o al repertorio delle notizie economiche e amministrative (REA), presso la Camera di Commercio.

Ottenere i requisiti necessari per poter intraprendere questa professione è solo il punto di partenza per diventare un agente immobiliare di successo. Le competenze acquisite fin qui, infatti, dovranno poi essere consolidate in agenzia attraverso corsi di formazione ed esperienza sul campo. In questa fase l’apprendista avrà modo di approfondire la propria conoscenza in tema di burocrazia relativa ai documenti essenziali per la compravendita, di valutazione di immobili e di specializzazione nei vari rami del settore immobiliare come la gestione di immobili commerciali o in locazione.

QUANTO E COME GUADAGNA L’AGENTE IMMOBILIARE 

Nel tempo la figura dell’agente immobiliare si è evoluta notevolmente e intraprendere questa professione può significare avere a che fare con cifre considerevoli.

Ovviamente si tratta di un percorso graduale che comincia, come nella maggior parte dei casi, da un periodo di formazione iniziale presso le agenzie che può prevedere un rimborso spese compreso generalmente tra i 400 e gli 800 euro e che varia a seconda dell’agenzia e del territorio di riferimento.

Con l’avanzare del percorso professionale, generalmente si passa dal rimborso spese al fisso mensile (riconosciuto dall’agenzia in cui si lavora a prescindere dagli obiettivi raggiunti) a cui si vanno ad aggiungere le provvigioni delle compravendite di immobili (pagate per ogni singola operazione di affitto o compravendita portata a termine).

Stiamo parlando quindi di compensi di natura molto variabile, ma che possono rivelarsi anche potenzialmente molto alti, per questo motivo con il tempo è prevista e consigliata l’apertura della partita IVA.

Nel caso specifico del percorso di carriera previsto nel Gruppo FRIMM, le opportunità e gli strumenti messi a disposizione degli Affiliati sono molteplici: dal Metodo FRIMM alla libreria video dei corsi online e in presenza tenuti nel corso degli anni passando per il flusso formativo e la specializzazione.

LE PROSPETTIVE PER IL FUTURO 

La rapida diffusione di strumenti digitali ha portato gli agenti immobiliari ad aggiornarsi e a cambiare il proprio modo di lavorare per arrivare ai clienti e per assisterli nel migliore dei modi.

Gli agenti immobiliari di oggi sanno che per offrire ai propri clienti un servizio di qualità e per essere percepiti come professionisti del settore è necessaria una formazione sempre più specifica in termini di tecnologia, marketing, comunicazione, know-how tecnico-legale e amministrativo.

Oltre alla formazione, è importante anche saper gestire il proprio lavoro quotidiano. Per aumentare la produttività è necessario gestire il tempo nel modo giusto distinguendo le attività prioritarie da quelle che si possono facilmente delegare.

Come afferma Jeff D’Angelo – CEO e Team Leader di Keller Williams Coastal, Lakes, and Mountains di Portsmouth – nell’intervista rilasciata a Idealista: “La costruzione quotidiana della tua pipeline porta con sé il bisogno di aggiungere quotidianamente contatti al tuo database, che altrimenti – con il tempo – tenderebbe a divenire obsoleto; bisogna invece tenerlo aggiornato, continuando sempre a sviluppare nuove relazioni attraverso la lead generation”.

D’Angelo continua poi sostenendo che da oltreoceano bisognerebbe replicare il sistema di collaborazione MLS tra agenti, che “permette di servire meglio i clienti” e di mettere “l’intero settore immobiliare sotto una luce migliore, in un’ottica open source”.

La professione dell’agente immobiliare è da considerare al pari di quella del commercialista, dell’avvocato o di qualsiasi altra professione che necessita di studio, competenze specifiche e iscrizione alla Camera di Commercio. Il Gruppo FRIMM lavora ogni giorno per fornire ai propri Affiliati tutti gli strumenti necessari e innovativi per poter svolgere questa professione nel migliore dei modi e per poter aiutare le persone a realizzare i propri progetti immobiliari.



(Promo)