Cerca

Frappe, Castagnole e Ravioli, i deliziosi dolci tipici romani di Carnevale che ti fanno venire l’acquolina in bocca

Carnevale è una festività ricca di tradizioni culinarie in tutta Italia, e la città di Roma non fa eccezione.

Tra le vie pittoresche e le piazze animate della Città Eterna, è possibile gustare una varietà di dolci tipici che deliziano i palati e rievocano le radici storiche della città. In questo articolo, esploreremo tre dolci tradizionali romani di Carnevale: le frappe, le castagnole e i ravioli dolci.

Frappe

Le frappe sono probabilmente il dolce più iconico e amato di Carnevale a Roma. Queste sottili strisce di pasta fritta vengono spolverate generosamente con zucchero a velo e sono conosciute anche come “chiacchiere” o “cenci” in altre regioni d’Italia. La loro preparazione prevede l’impasto di farina, uova, burro, zucchero e un pizzico di limone grattugiato, che viene steso sottile e poi tagliato in strisce prima di essere fritto in olio caldo. Croccanti all’esterno e morbide all’interno, le frappe sono un’irresistibile tentazione durante il periodo di Carnevale.

Castagnole

Le castagnole sono piccole palline di pasta dolce fritte, spesso arricchite con scorza d’arancia grattugiata o liquore, e poi spolverate con zucchero a velo. Questi dolci rotondi e golosi prendono il loro nome dalla loro somiglianza alle castagne e sono un’altra prelibatezza tradizionale di Carnevale a Roma. La loro consistenza morbida e il sapore leggermente agrumato le rendono perfette per essere gustate come spuntino durante le festività.

Ravioli Dolci

I ravioli dolci sono un’altra specialità romana di Carnevale che conquista i palati con la sua combinazione unica di dolcezza e morbidezza. Questi ravioli sono fatti con un impasto simile a quello della pasta fresca, ma vengono riempiti con una deliziosa miscela di ricotta fresca, zucchero, cannella e scorza d’arancia grattugiata. Dopo essere stati formati in piccoli quadrati, i ravioli vengono fritti fino a doratura e poi spolverati con zucchero a velo prima di essere serviti.

Condividi articolo