Cerca

Il Giardino dei Tarocchi

Nel cuore della Maremma, in particolar modo nella località di Capalbio (in provincia di Grosseto) si erge sulla collina di Gravicchio il Giardino dei Tarocchi, un vero e proprio museo a cielo aperto creato dall’artista Niki de Saint Phalle e ispirato al ben più famoso Parc Guell di Gaudì a Barcellona.

Ideato dall’artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle, si estende per una superficie di circa 2 ettari con splendide sculture alte fino a 15 metri rappresentanti i 22 arcani dei Tarocchi, realizzate in acciaio e cemento e ammantate di specchi, vetri e ceramiche colorate.

Niki de Saint Phalle ha iniziato la costruzione del Giardino dei Tarocchi nel 1977 .

L’artista franco-statunitense ha dato vita ad un percorso spirituale con sculture dai significati simbolici ed esoterici che sono una metafora della vita stessa.

Ci si ritrova immersi in un mondo fantastico costituito da gigantesche e coloratissime statue, come quella dell’Imperatrice, una incredibile scultura al cui interno è stato realizzato un vero e proprio appartamento dove Saint Phalle Niki visse nel periodo di realizzazione dell’opera.

Tra le altre sculture presenti nel Giardino, è da segnalare quella della Sacerdotessa, che esprime l’intuito femminile ispirato al Parco dei Parco dei Mostri di Bomarzo, altra opera da cui l’artista prese ispirazione.

Per volontà dell’artista, inoltre, al fine di salvaguardare la libertà di movimento dei visitatori, non sono previste né visite guidate, né un itinerario prestabilito. Tra le sculture, nelle strade e nei percorsi presenti all’interno del giardino si possono osservare diverse citazioni, frasi, messaggi nascosti, ideogrammi, numeri e pensieri dell’artista e il visitatore si “perde” nel reticolo di immagini e codici arcani ed enigmatici.

Il parco dei tarocchi è aperto tutti i giorni fino al 15 Ottobre dal lunedì alla domenica dalle 14:30 alle 19:30. Da Roma, si prende la via Aurelia direzione Civitavecchia/Grosseto e si esce a Pesca Fiorentina, da lì sono segnalate le indicazioni.

Sveva Guerreri

Condividi articolo