Cerca

Libri al MAXXI Il ragazzo che liberò Auschwitz di Roberto Genovesi

auditorium del MAXXI
ingresso libero fino a esaurimento posti

In prossimità del Giorno della Memoria, un appuntamento dedicato al nuovo romanzo del giornalista, scrittore, sceneggiatore e autore televisivo Roberto Genovesi, in cui è la fotografia a raccontare la crudeltà dei campi di sterminio e l’orrore del nazismo.

Il 27 gennaio 1945 le truppe dell’Armata Rossa entrano nel campo di concentramento di Auschwitz, trovandosi di fronte alle prove di uno dei crimini di guerra più mostruosi della storia moderna. Insieme ai soldati russi, varca il cancello anche un manipolo di fotografi e reporter: tra loro c’è Vady, un ragazzo ucraino poco più che adolescente che, dopo aver visto i genitori morire per mano dei tedeschi, si è offerto volontario per garantire al fratellino la protezione della Croce Rossa sovietica.

In veste di assistente di due fotografi di guerra, Vady scopre gli orrori nascosti nelle viscere di Auschwitz e poi del vicino Birkenau, documentandoli con una vecchia Leika. In quegli scatti non compaiono solo morte e sfacelo: appare anche una ragazzina, che sembra esistere però soltanto all’interno delle foto di Vady. Il desiderio di trovarla lo spingerà ad addentrarsi in quel che resta dei campi di sterminio, mettendolo di fronte a nefandezze inenarrabili, ma consentendogli, con la sua inseparabile macchina fotografica al collo, di regalare al mondo alcune delle foto più importanti della seconda guerra mondiale.

saluti istituzionali
Gennaro Sangiuliano Ministro della Cultura

introduce
Alessandro Giuli Presidente Fondazione MAXXI

intervengono

Ruth Dureghello Presidente Comunità Ebraica di Roma
Roberto Genovesi autore del libro
Giampaolo Rossi esperto di comunicazione e nuovi media
Mario Venezia Presidente Fondazione Museo della Shoah – Roma

letture
Armando Traverso



In collaborazione con Fondazione Museo della Shoah e Newton Compton Editori
. Con il sostegno di BPER Banca.


posti individuali riservati per i titolari della card myMAXXI scrivendo a mymaxxi@fondazionemaxxi.it, entro il giorno prima dell’evento

Condividi articolo