“Patti per la sicurezza urbana”. 

 Si chiama così un accordo siglato, nei giorni scorsi, con il prefetto Piantedosi, in sede di riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza, che prevede 29 progetti elaborati per altrettanti comuni, anche per Roma ovviamente. Si tratta delle installazioni di impianti di videosorveglianza con telecamere hi-tech da collegare con la sala operativa delle Forze dell’ordine, strumenti ad alta definizione, per cristallizzare volti e targhe con grande precisione anche negli orari notturni e che dovrebbero diventare operativi entro l’estate; rappresenterebbero uno strumento fondamentale di prevenzione, deterrenza e contrasto al fenomeno di criminalità più diffusa e di reati predatori. A Roma, le telecamere verranno accese: nel Parco del Colle Oppio, su corso Francia, in piazza Euclide, piazza Marconi nei pressi delle discoteche, a porta Maggiore, a Ponte Galeria vicino alla stazione ferroviaria, terra di nessuno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: