Cerca

Per rubare 1000 euro di incasso a titolare minimarket, gli entrano in auto e gli sparano: riconosciuti e presi

L’episodio è avvenuto all’inizio del giugno scorso: un commerciante, dopo aver chiuso la propria attività, aveva preso la sua auto e si è diretto verso casa; mentre era fermo ad uno stop, da un’auto che lo tallonava sono scesi 2 uomini con il volto coperto che, dopo essere saliti repentinamente a bordo della macchina della vittima, hanno iniziato a colpirlo intimandogli di consegnare loro l’incasso.

Il malcapitato, nonostante la vista di un coltello e di una pistola che gli veniva puntata alla nuca, si è opposto ed i 2 gli hanno sparato e lo hanno accoltellato ferendolo in più punti.

Prima di fuggire con l’incasso e le chiavi dell’auto, proprio a causa della forte resistenza del rapinato, uno dei 2 uomini è rimasto –seppur per breve tempo- con il volto scoperto.

Sul posto è intervenuta una pattuglia della Polizia di Stato e, fin da subito, gli investigatori del Distretto Primavalle hanno assunto le indagini in stretto coordinamento con i PM della Procura di Roma.

La Polizia Scientifica, durante i rilievi sul luogo del reato, ha repertato il caricatore di una pistola trovato nelle vicinanze dell’auto.

La vittima, un uomo del Bangladesh, dopo aver ricevuto le cure al pronto soccorso per le ferite da arma da taglio e arma da fuoco su braccia e dorso –fortunatamente non fatali-, ha ricostruito la vicenda con i poliziotti ed è stato lui stesso ad indirizzare le indagini verso un 31enne ed un 53enne: il primo, cliente abituale del suo locale, lo aveva visto in faccia quando era riuscito a scoprirgli il volto mentre a tradire il secondo, anch’egli cliente assiduo, era stata la voce.

Le indagini, svolte con attività tecnica e la classica raccolta di testimonianze, hanno permesso di raccogliere ulteriori elementi a carico dei 2 sopra citati e di arrivare all’individuazione di un terzo indagato, ovvero colui che guidava l’auto con cui è stata seguita la vittima.

Gli elementi raccolti hanno permesso alla Procura di chiedere ed ottenere dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma un’ordinanza di applicazione di misure cautelari. Sono stati gli stessi agenti del XIV Distretto a dare esecuzione alla misura e dopo aver rintracciato, non senza difficoltà, i 3 indagati (il 31enne, il 53enne ed il 46enne “autista”), li hanno condotti in carcere a disposizione della Magistratura per i reati di tentato omicidio, rapina e porto abusivo d’armi.

Condividi articolo