Cerca

Polizia, 171 anni di storia al servizio della Nazione

Ieri si è celebrata la storica data della fondazione della Polizia. L’11 luglio 1852 nasceva il Corpo delle guardie di Pubblica Sicurezza per far fronte alle crescenti esigenze di ordine pubblico, dovute anche agli esiti della prima Guerra d’Indipendenza.

Si trattava di un Corpo militarmente organizzato, unico esempio nell’Europa del tempo.

Quello stesso Corpo, nel 1981, con una riforma epocale, confluì nella moderna e attuale Polizia di Stato, caratterizzata da un’anima civile e non più militare, e nella quale le donne, arruolate già negli anni ’60, ottengono la parificazione con i colleghi uomini.

Dopo 171 anni, però, quello che non è mai mutato è l’insieme di valori che da sempre contraddistingue l’agire delle donne e degli uomini della Polizia.

Passione, spirito di servizio, difesa della legalità, sempre pronti ad intervenire per sostenere i più fragili e indifesi.

Una storia che ha visto, e continua a vedere, la Polizia sempre al servizio delle Istituzioni democratiche e dei cittadini.

Una presenza costante per le comunità di cui la Polizia di Stato è parte integrante, a garanzia della sicurezza, mantenendo fede fino ai giorni nostri al claim #essercisempre.

Un lungo percorso segnato dal sacrificio di oltre 2.500 poliziotti, che hanno dato la propria vita al servizio della Nazione e che, ancora oggi, sono un nitido esempio per le nuove generazioni di agenti.

Ieri si è celebrata la storica data della fondazione della Polizia. L’11 luglio 1852 nasceva il Corpo delle guardie di Pubblica Sicurezza per far fronte alle crescenti esigenze di ordine pubblico, dovute anche agli esiti della prima Guerra d’Indipendenza.

Si trattava di un Corpo militarmente organizzato, unico esempio nell’Europa del tempo.

Quello stesso Corpo, nel 1981, con una riforma epocale, confluì nella moderna e attuale Polizia di Stato, caratterizzata da un’anima civile e non più militare, e nella quale le donne, arruolate già negli anni ’60, ottengono la parificazione con i colleghi uomini.

Dopo 171 anni, però, quello che non è mai mutato è l’insieme di valori che da sempre contraddistingue l’agire delle donne e degli uomini della Polizia.

Passione, spirito di servizio, difesa della legalità, sempre pronti ad intervenire per sostenere i più fragili e indifesi.

Una storia che ha visto, e continua a vedere, la Polizia sempre al servizio delle Istituzioni democratiche e dei cittadini.

Una presenza costante per le comunità di cui la Polizia di Stato è parte integrante, a garanzia della sicurezza, mantenendo fede fino ai giorni nostri al claim #essercisempre.

Un lungo percorso segnato dal sacrificio di oltre 2.500 poliziotti, che hanno dato la propria vita al servizio della Nazione e che, ancora oggi, sono un nitido esempio per le nuove generazioni di agenti.

Ieri si è celebrata la storica data della fondazione della Polizia. L’11 luglio 1852 nasceva il Corpo delle guardie di Pubblica Sicurezza per far fronte alle crescenti esigenze di ordine pubblico, dovute anche agli esiti della prima Guerra d’Indipendenza.

Si trattava di un Corpo militarmente organizzato, unico esempio nell’Europa del tempo.

Quello stesso Corpo, nel 1981, con una riforma epocale, confluì nella moderna e attuale Polizia di Stato, caratterizzata da un’anima civile e non più militare, e nella quale le donne, arruolate già negli anni ’60, ottengono la parificazione con i colleghi uomini.

Dopo 171 anni, però, quello che non è mai mutato è l’insieme di valori che da sempre contraddistingue l’agire delle donne e degli uomini della Polizia.

Passione, spirito di servizio, difesa della legalità, sempre pronti ad intervenire per sostenere i più fragili e indifesi.

Una storia che ha visto, e continua a vedere, la Polizia sempre al servizio delle Istituzioni democratiche e dei cittadini.

Una presenza costante per le comunità di cui la Polizia di Stato è parte integrante, a garanzia della sicurezza, mantenendo fede fino ai giorni nostri al claim #essercisempre.

Un lungo percorso segnato dal sacrificio di oltre 2.500 poliziotti, che hanno dato la propria vita al servizio della Nazione e che, ancora oggi, sono un nitido esempio per le nuove generazioni di agenti.

Condividi articolo