POLIZIA POSTALE: ATTENZIONE AL PUPAZZO HUGGY WAGGY

Potrebbe sembrare un pupazzo come un altro, ma dietro quell’enorme bocca rossa si nascondono lunghi denti affilati pronti a divorare le sue vittime. Si tratta di Huggy Wuggy, uno dei pupazzi più celebri del web che in questi giorni è diventato famoso anche tra gli adulti dopo che la polizia postale ha diramato un alert col quale mette in guardia i genitori affinché evitino che i loro figli entrino in contatto con il noto pupazzo i cui video imperversano su Youtube.Secondo lo studio condotto a scopo preventivo dagli psicologi dell’Unità analisi del crimine informatico della Postale, Huggy Wuggy potrebbe generare nei bambini ansie e paure. Nel videogioco horror che lo vede protagonista, Poppy Playtime, vietato ai minori di 13 anni, il pupazzo dal folto pelo blu e dai lunghi denti affilati nascosti dietro un sorriso apparentemente dolce, insegue le persone all’interno di una casa abbandonata.Il protagonista del videogioco è l’ex dipendente di una vecchia fabbrica di giocattoli che vi fa ritorno dopo molti anni e la trova abbandonata e abitata da giocattoli animati e malvagi. Uno di questi è proprio Huggy Wuggy, un pupazzo solo apparentemente tenero e affettuoso, col velcro sulle zampe che permette di attaccarlo al collo dei bambini come se li abbracciasse, ma che è in realtà un brutale assassino. Col tempo è diventato però un vero e proprio cult per molti grazie ai video caricati su Youtube e social oltre che agli immancabili meme. Ad aumentare l’allarmismo su Huggy Wuggy si è aggiunto un avviso della Polizia postale che, probabilmente sull’onda delle segnalazioni, citava il videogioco Poppy Playtime raccomandandosi coi genitori di supervisionare la navigazione su internet dei propri figli.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: