Cerca

Primavalle, Polizia arresta italiano ventottenne durante un tentativo di rapina in farmacia.

Sono stati gli agenti della Polizia di Stato della VI sezione della Squadra Mobile ad arrestare un uomo italiano di 28 anni gravemente indiziato del reato di tentata rapina aggravata. I poliziotti, durante un apposito servizio antirapina, nella zona di Primavalle, dove vi erano già state alcune rapine a danno di esercizi commerciali, hanno notato un uomo a bordo di uno scooter e, riconoscendolo come probabile autore di alcuni analoghi episodi avvenuti in zona, hanno deciso di pedinarlo. L’uomo, sempre seguito dagli equipaggi della Squadra Mobile capitolina, si è fermato prima davanti ad un negozio di cosmetici, dove ha sostato per alcuni minuti travisato e privo di casco, per poi spostarsi presso una farmacia, nella quale è entrato, ha puntato una pistola priva di tappo rosso alla testa di un dipendente e lo ha costretto ad accompagnarlo alla cassa e a dargli tutti i soldi che conteneva. Gli agenti, intervenuti immediatamente, hanno bloccato e disarmato l’uomo, mettendo così fine all’azione delittuosa che aveva messo in atto, per poi tranquillizzare i dipendenti. Una volta messo in sicurezza è stato perquisito e trovato in possesso di una pistola replica marca Bruni calibro 8 con caricatore rifornito di due proiettili e di 480 euro in contanti. Lo scooter usato per gli spostamenti, da accertamenti, è risultato essere rubato. A seguito di perquisizione domiciliare, invece, sono stati rinvenuti diversi indumenti probabilmente usati in altre circostanze delittuose, mentre all’interno della sua autovettura sono stati rinvenuti 4 coltelli.

Al termine degli accertamenti, l’uomo è stato arrestato, mentre la pistola e tutto il materiale rinvenuto sono stati sequestrati, lo scooter provento di furto è stato restituito al legittimo proprietario, così come i 480 euro rapinati alla farmacia. Ad ogni modo l’indagato è da ritenere presunto innocente, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile

Condividi articolo