Rifiuti: Gualtieri presenta il piano: 5 nuovi impianti. Confermati biodigestori #Cesano e Casal Selce. Termovalorizzatore a Santa Palomba. A Ponte Malnome e Rocca Cencia quelli per la differenziata

Il piano rifiuti presentato dal sindaco di Roma e commissario straordinario, Roberto Gualtieri, prevede la realizzazione di un termovalorizzatore e altri quattro nuovi impianti, da quelli di selezione di carta e plastica da raccolta differenziata ai biodigestori anaerobici. Per un totale di un milione di tonnellate di pattume.

“Roma non graverà a più su altri territori e diventerà autosufficiente”, evidenzia Gualtieri.

A Cesano e a Casal Selce confermata nonostante l’opposizione dei territori la realizzazione di 2 impianti per la digestione anaerobica della frazione organica (produzione biometano per trasporti e di compost per agricoltura), da 200mila tonnellate complessive, per un investimento di 59 milioni di euro ciascuno.

Quello di Cesano, nel XV Municipio, Roma Nord, dovrà sorgere secondo le intenzioni della giunta Gualtieri, su via della stazione di Cesano, tra l’omonimo quartiere appunto e Osteria Nuova. Si tratta dell’ennesimo impatto ambientale sulla zona che già da anni convive con criticità di non poco conto.

A Casal Selce (Municipio XIII) l’altro biodigestore, in un’area distante in linea d’aria solo due chilometri dall’ex discarica più grande d’Europa di Malagrotta

Le attività di progettazione per la realizzazione di questi impianti sono affidate ad Ama che ha partecipato ai bandi Pnrr per il loro finanziamento. A ottobre la municipalizzata presenterà il piano definitivo, per l’esattezza il giorno 15 del mese.

Inoltre verranno realizzati nelle aree di Rocca Cencia e Ponte Malnome (Valle Galeria) due impianti di selezione delle frazioni secche da raccolta differenziata da 200mila tonnellate complessive (carta, cartone e plastica) con un investimento totale di 43 mln di euro.

Verrà realizzato un termovalorizzatore ad elevata efficienza che tratterà i rifiuti indifferenziati residui e gli scarti non riciclabili derivanti dagli impianti di selezione e trattamento. Avrà una capacità di trattamento di 600mila tonnellate annue e sarà realizzato adottando la tecnologia di combustione più consolidata e ad alta efficienza per il recupero energetico con i sistemi più avanzati per la riduzione delle emissioni in atmosfera; allo stesso tempo saranno gestite ceneri da combustione e si avvierà la sperimentazione per la cattura di anidride carbonica. L`investimento complessivo sarà di circa 700 milioni di euro ai quali si aggiungeranno ulteriori 150 milioni circa per la tecnologia di trattamento e riciclo degli scarti di lavorazione. Il termovalorizzatore dovrebbe sorgere in un’area industriale in località Santa Palomba, non distante da Pomezia.

Il piano prevede, inoltre, l`attivazione di complessivi 30 centri di raccolta, tra riqualificazione degli esistenti e nuovi centri (40 milioni di euro di investimento) distribuiti nei diversi Municipi. Sarà realizzato un ulteriore impianto per il trattamento e il recupero delle terre di spazzamento (5 mln di euro di investimento) e nuove stazioni di trasferenza/trasbordo e stoccaggio (10 milioni di euro).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: