Cerca

Siete curiosi? All’Auditorium torna il “FESTIVAL DELLE SCIENZE” dal 16 aprile

Quest’anno si tratterà della 19esima edizione del “Festival delle Scienze di Roma”, un enorme evento che avrà luogo dal 16 al 24 aprile presso l’Auditorium Parco della Musica.

La tematica del festival scelta per quest’anno riguarda gli errori della della scoperta scientifica.

L’errore è il motore per gli scienziati per partire alla ricerca di nuove soluzioni e risposte.

Ad esempio pensiamo a Guglielmo Marconi con le sue teorie errate riguardo al sistema geocentrico e sulla propagazione delle onde elettromagnetiche.

Sarà possibile spaziare tra diversi argomenti nel fitto programma del festival “Errori e Meraviglie” tra cui ricordiamo:

“Decifrare la verità nell’era dell’informazione”, evento che si terrà il 18 Aprile al Teatro Studio Borgna, in collaborazione con il Messaggero, incentrato sui rischi delle distorsioni della realtà dell’informazione e sul ruolo che svolgono gli errori : diventando strumenti di apprendimento.

Un altro elemento fondamentale è la meraviglia della conoscenza attraverso la curiosità e l’esplorazione come strumenti per la scoperta.

A grande richiesta, hanno realizzato il tutto esaurito tutti i laboratori dal 16 al 19 aprile

dedicati a bambini e ragazzi riguardanti l’elettromagnetismo (Magnetismo in Scatola) , il funzionamento degli ecosistemi naturali (La complessa meraviglia naturale), lo studio dei satelliti che hanno un forte impatto per contrastare i cambiamenti climatici e la realizzazione di un modellino 3D del satellite (Cosmo Skymed).

Seguono nella programmazione del 18 e del 19 aprile “ Le Mappe del Cosmo, storie che hanno cambiato l’universo” che riguardano tutte le rivoluzioni più significative ; a seguire “Oltre la rete, verso le stelle. Esplorando le connessioni tra sport, spazio e fisica” e “Che tempo farà? Incertezze sul clima meteorologico” , due tematiche di approfondimento rispettivamente riguardanti gli aspetti comuni del gioco della pallavolo e lo spazio atmosferico e l’incertezza delle previsioni del tempo e i modelli matematici a supporto di un’osservazione più precisa.

Norma Presta

Condividi articolo