Truffa del Rip deal per un ammontare di circa 100 mila euro: la Polizia di Stato arresta un cittadino italiano 25 enne di origine bosniaca.

Nella giornata di ieri, gli agenti della Polizia di Stato del III Distretto Salario Parioli, diretto da Angela Cannavale e del commissariato Porta Pia, diretto da Angelo Vitale, hanno proceduto all’arresto di un cittadino italiano di 25 anni, di origine bosniaca, con precedenti di polizia, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma, poiché accusato di aver commesso numerosi furti aggravati e sostituzione di persona.

Identico il suo modus operandi. Il 25enne, infatti, spacciandosi per un commerciante di oggetti preziosi e potenziale acquirente, contattava persone che mettevano in vendita, su siti web, orologi o gioielli di ingente valore.

Carpita la fiducia dei venditori attraverso l’invio di documenti falsi, organizzava appuntamenti conle vittime al fine di visionare i preziosi.

In alcuni casi, al fine di conferire maggiore credibilità alla sua persona, e fugare nel venditore il dubbio sulla neutralità della location, fissava un primo appuntamentopresso un ristorante, dove poi non si presentava,giustificando telefonicamentela propriaassenza  con la scusa di non sentirsi sicuronelposto presceltoperl’incontro, poiché spaventato da due precedenti rapine subìte.

A tale prima assenza seguivanoulterioricontattitelefonici per individuare unposto più sicuro,compresiilocalidiuna banca,ipotesiperòscartataperlerestrizioni covid.

A questo punto scattava la truffa vera e propria organizzata presso quello che lui definiva il suo studio, ma che in realtà era solo un ufficio affittato con le modalità del business center, sempre mostrando un documento diverso e contraffatto.

All’appuntamento accoglieva il venditore vittima e, dopo avergli offerto il caffè, in un’atmosfera  calma e rilassata, con la scusa di far visionare i preziosi, usciva dalla stanza lasciando in pegno i propri effetti personali quali ilsoprabito, una borsa o anche una scatola che conteneva un pacco di banconote (poi risultate false)  e che faceva inmododimostrare prima allavittima.  Dopo di chè si dava alla fuga.

Nonvedendolorientrare nellastanza, la vittima chiedevanotiziealle segretariedella struttura, venendo poi ascoprire chesitrattava non di uno studio privato di un professionista, bensì di unbusiness center, ossia uno stabile ove gli uffici vengonolocati occasionalmente perappuntamenti di lavoro.

Attraverso una lunga e paziente ricostruzione dei fatti, le testimonianze delle vittime e la visione di immagini e documenti, gli agenti del III Distretto Salario-Parioli e del Commissariato Porta Pia sono riusciti a mettere in collegamento i vari episodi delittuosi e a raccogliere le prove, attività da cui è emersa la piena responsabilità di K.M.

Nel corso dell’arresto, nella sua abitazione, sono state ritrovate banconote fac-simile per un ammontare di 600.000 euro, dello stesso tipo di quelle lasciate alle vittime, nonché altri oggetti preziosi sui quali sono in corso accertamenti per stabilire la provenienza.

Alla ricerca di eventuali ulteriori vittime o di complici del 25enne,  proseguono le indagini degli investigatori.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: