Cerca

ZTL “FASCIA VERDE” prorogati i divieti auto più inquinanti fino ad ottobre 2024

Appena entrata in vigore, l’ordinanza n.38 del 27 marzo 2024, dispone la proroga del divieto di circolazione per i veicoli più inquinanti nell’area nuova ZTL “Fascia Verde”, dal 1 aprile al 31 ottobre 2024.

Riconfermati i divieti di circolazione e accesso all’interno della NUOVA ZTL “FASCIA VERDE” dal lunedì al sabato h24, escludendo solo i giorni festivi infrasettimanali, per i veicoli:

benzina/gasolio “PRE-EURO1”, “EURO 1” ed “Euro 2”; gasolio “EURO 3”; Ciclomotori e motoveicoli a benzina e a gasolio “Pre-Euro1” ed “Euro 1.

Permesso di circolare per veicoli a Gpl, mono e bi-fuel, veicoli con impianto a Gpl o con alimentazione benzina+Gpl.

Libera circolazione per veicoli per trasporto disabili; veicoli adibiti a servizio di polizia e sicurezza, emergenza anche sociale, compreso il soccorso, anche stradale; i veicoli del trasporto pubblico locale; veicoli adibiti alla gestione dei rifiuti urbani per conto e/o direttamente dall’Amministrazione Capitolina, alla tutela igienico ambientale, alla gestione emergenziale del verde, alla Protezione civile e agli interventi di urgente ripristino del decoro urbano nonché al pronto intervento manutentivo svolto per conto o direttamente dall’Amministrazione Capitolina.

Esenti dal provvedimento anche i veicoli con targa C.D., S.C.V. e C.V.

Un capitolo a parte invece per auto e ciclomotori storici ultratrentennali. Al momento l’ ordinanza autorizza a circolare solo dalle ore 20.00 del venerdì fino alla mezzanotte del sabato e solo quelli che alla data del 1 novembre risultino dotati di Crs Certificato di rilevanza storica. Si sta attendendo però il pronunciamento del Consiglio regionale che dovrà vagliare ciò che la Giunta del Lazio ha già stabilito. Cioè che essendo in numero minimo, le auto storiche nel Lazio non incidono sull’inquinamento e dunque possono circolare liberamente. Su questo si è già espresso il TAR lo scorso ottobre, accogliendo ricorsi ASI.

Dal primo novembre scatta la stretta per gli altri veicoli.

Laura Tegliai

Condividi articolo